violenza

Nei primi sei mesi del 2020 in Italia è calato il numero degli omicidi, ma è aumentato quello dei femminicidi. Un report rilasciato dal Servizio analisi criminale interforze del Ministero dell’Interno mette in luce come la violenza di genere sia aumentata durante il periodo di lockdown dovuto alla pandemia. Sono state 59 le donne uccise nel primo semestre del 2020 e, se nel 2019 costituivano il 35% degli omicidi totali, quest’anno l’incidenza si attesta al 45%.

Famiglia

Ma dove avvengono questi omicidi? “Restringendo ancora l’analisi si capisce chiaramente e senza possibilità di sbagliare che il 77% degli omicidi sono avvenuti in ambito familiare ed affettivo ed hanno riguardato persone di sesso femminile – scrive Antonio Massariolo su Bo Live, il magazine online dell’Università di Bologna -. Su 69 omicidi avvenuti in famiglia, 53 sono state le vittime di sesso femminile”.

Il rapporto annuale rilasciato dall’Istat aveva già messo in luce come “sebbene in generale si osservi un clima familiare sereno e positivo, non va sottovalutata la fragilità di alcune situazioni di fronte alle restrizioni imposte dal lockdown. Per il 9,1 per cento della popolazione, pari a circa 3 milioni di persone, il clima familiare è difficile al punto da generare paura di dire o di fare qualcosa”.

Numero verde

Uno dei pochi strumenti a disposizione di chi era costretta a rimanere in casa con un convivente violento durante il lockdown è stato il numero verde contro la violenza e lo stalking (il 1522) messo a disposizione dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, 1522, che ha mostrato un incremento esponenziale delle chiamate e delle richieste d’aiuto, per poi decrescere in coincidenza con la Fase 2 e la progressiva e graduale riapertura dal 4 maggio in poi. Il numero delle persone che si è rivolto a questo servizio è stato di 11.920, di fatto quasi il doppio rispetto allo stesso periodo (marzo-maggio) del 2019.

La maggior parte delle chiamate valide sono state fatte per chiedere aiuto. 5.115 donne in Italia dal 1 marzo al 31 maggio 2020 infatti, hanno composto il 1522 per segnalare che stavano subendo violenza o stalking. Alcune chiamate, il 24%, invece sono state effettuate per chiedere informazioni sul servizio fornito, mentre un 12% per avere informazioni sui centri anti-violenza.

Paura

Il report annuale dell’Istat analizza poi qual è la violenza denunciata che per il 51,3% (dato in aumento rispetto al 44,9% dello scorso anno) riguarda una violenza di tipo fisico o psicologico. “Inevitabilmente quindi il lockdown ha segregato in casa potenziali vittime di violenza o stalking, tanto da far emergere come nel 48,5% dei casi a chiamare il 1522 siano state vittime coniugate – si legge nell’articolo su Bo Live -. Non è indifferente però la percentuale di donne single che si è rivolta al numero verde (32,3%). Aumentano le segnalazioni ma al contempo, durante il lockdown, sono diminuite le denunce alle forze dell’ordine. Da marzo a maggio 2020 infatti si osserva un calo dal 16,6 per cento al 12,9 per cento della quota di vittime che presentano denuncia alle forze dell’ordine.

Il motivo ipotizzabile è sempre quello della non denuncia a causa di pressioni, sia esplicite che implicite da parte del contesto familiare. L’Istat considera questa motivazione per il 27,4% delle non denunce (nel 2019 era del 19,5%), mentre il 13,7% delle donne vittime di violenze, molestie o stalking non avrebbe denunciato per paura di una reazione violenta da parte del carnefice. Nel 48,5% dei casi a chiamare il 1522 siano state vittime coniugate. Fino a qui abbiamo capito come il lockdown abbia purtroppo fatto aumentare i casi di violenza, in particolar modo quella domestica”.

Figli

Ma qual è il contesto familiare in cui avvengono le violenze? Il 58,2 % delle vittime, pari a 2.972 casi, si sono rivolte al numero verde dichiarando di aver figli, di cui il 57,2 % minori. In 9 casi su 10, si legge nel rapporto Istat, i minori hanno anche assistito alla violenza e nel 16,7 per cento dei casi hanno dichiarato di essere stati loro stessi vittime. In 93 casi inoltre, sono stati proprio i figli a segnalare le violenze in famiglia, situazione che durante il periodo di lockdown è notevolmente cresciuta.

“Nella fase acuta della pandemia in Italia – conclude l’articolo di Bo Live – sono indubbiamente aumentate le criticità familiari e le violenze domestiche ma non le denunce alle forze dell’ordine. Ad aumentare però sono state le chiamate di intervento alle sale operative delle Questure, con 12.579 richieste di aiuto tra gennaio e aprile 2020.

Stalking

Ci sono poi quelli che il Servizio analisi criminale del Dipartimento di pubblica sicurezza del ministero dell’Interno chiama i ‘reati spia’ della violenza di genere, cioè in particolare atti persecutori, maltrattamenti contro familiari e conviventi e violenze sessuali. Durante il periodo di lockdown questa tipologia di reati ha subito una netta flessione, flessione che si è interrotta da maggio in poi. Una tendenza che, ancora una volta, conferma ciò che abbiamo visto precedentemente analizzando il report Istat.

Durante i mesi di lockdown in Italia le denunce per maltrattamenti, violenze e stalking sono diminuite, ma è facile ipotizzabile che ciò non sia stato dovuto ad una reale diminuzione dei reati bensì alla paura, ne è conferma l’aumento delle chiamate al 1522, il numero antiviolenza”.

Vai a Tinatoday

Ti è piaciuto questo articolo? Metti il tuo LIKE alla pagina Facebook di Tinatoday 

 

SOSTIENI TINATODAY



Tinatoday è un progetto nato dall'idea di un gruppo di giornaliste: creare un giornale scritto da donne per le donne, uno sguardo femminile sul mondo in cui viviamo, troppo spesso raccontato da voci maschili e/o male oriented. Tinatoday parla di fatti di cronaca, politica, economia, anche con approfondimenti, video, interviste ed inchieste. Per continuare a fare questo lavoro abbiamo bisogno del vostro sostegno, anche piccolo.

Per aiutarci a far crescere Tinatoday clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TinaToday supplemento quotidiano a LineaNews - Agenzia di stampa fondata da Francesco Brasco nel 1994 - reg. Trib. Vicenza n. 1067 del 18/11/2003
- dir. resp. Francesco Brasco - Direzione e redazione: Piazza delle Biade, 5 - 36100 Vicenza